Meschio & Meschietti - Vittorio Veneto - Manuela - Gisel Altoè - foto Renato Zanette Fotografo

La magia dell’acqua, Meschio e Meschietti

Ciao bella gente, ma quanto bello è passeggiare lungo il fiume Meschio, che attraversa Vittorio Veneto e si spezza in vari canali chiamati Meschietti. Questo accade proprio a Serravalle, da Piazza Flaminio andando verso Sud, in direzione centro della città.
È una passeggiata romantica e rilassante. Per questa passeggiata ho scelto abbigliamento molto informale Elisabetta Franchi, anche la borsetta è della stilista Elisabetta Franchi. Il tutto viene sdrammatizzato dalle confortevoli ed intramontabili sneackers Superga. Gli occhiali sono dell’inconfondibile Alain Mikli. In questo outfit voglio sottolineare il blazer doppiopetto che sta tornando prepotentemente. A me piace sia con l’outfit total look elegante che con il  jeans vissuto e body, come in questo caso.

Dove si possono acquistare questi capi a Vittorio Veneto.

Gli abiti  Elisabetta Franchi si possono acquistare presso Glamour in Viale della Vittoria. Le sneackers Superga si trovano da Basic Storm sempre in Viale della Vittoria. Gli occhiali Alain Mikli si trovano da Ottica Piccin in via Manin 146 in località Salsa.

Il fiume Meschio

Il fiume meschio, che vedete nello sfondo delle foto è lungo 30 km. Nasce alle pendici del Monte Visentin in Località Savassa Alta, a nord di Vittorio Veneto. Le sue sorgenti sono spettacolari. In tal proposito, nel 2016 dei sub hanno fatto delle riprese stupende che si possono vedere su Youtube.
Guardate il loro video ma leggete anche la storia di questo fantastico avventuroso  viaggio subacqueo in questo articolo su OggiTreviso e questo dettagliato racconto a proposito delle sorgenti del fiume Meschio dal sito di Per 4 Piedi.

Meschio&Meschietti - Vittorio Veneto - Manuela Gisel Altoè - foto Renato Zanette FotografoSerravalle è sorta grazie alle risorse che dava il fiume Meschio, in quanto le sue acque resero i terreni circostanti abitabili e coltivabili, già nell’antichità. Serravalle con il suo fiume era un punto cruciale di unione fra le montagne e la pianura. Il fiume, da sempre vanta una temperatura costante di 11 gradi sia d’inverno che d’estate, e questa caratteristica è stata fondamentale nel 1500 per forgiare, nelle officine degli armaioli le “lame di Serravalle”, spade che avevano una lama robustissima. Successivamente il fiume Meschio fu fondamentale per lo sviluppo di varie attività industriali, grazie all’insediamento dei Veneziani. Fra cui la produzione di lana, campane, lo sviluppo delle filande, etc. Per approfondimenti leggete anche questo articolo sul Meschio su Fotologie.it.

Il fiume si fraziona in vari canali paralleli, detti Meschietti proprio alle mie spalle in queste foto. Questo è uno dei punti più suggestivi del fiume. Questa struttura divisoria del fiume è stata costruita nel 1500 circa dopo una grande alluvione che ha fatto straripare il Meschio ed allagare Serravalle.  Ancora oggi è una risorsa importante, infatti sono attive molte mini centrali elettriche lungo il corso. Se non ci fosse il fiume Meschio, non esisterebbe Vittorio Veneto, Serravalle in primis.

Sii come l’acqua, cerca di adattarti ad ogni situazione.
Se il tuo avversario si apre, chiuditi. Se lui si chiude, apriti

Albert Szent-Gyorgyi

Buona vita e buon shopping.


FOTO DI RENATO ZANETTE FOTOGRAFO