Parco Papadopoli – Fra il sogno e la fuga

PARCO PAPADOPOLI

Il Parco Papadopoli, progetto di Antonio Caregaro Negrin, è una cornice verde che contorna Villa Papadopoli, a Ceneda di Vittorio Veneto. La Villa è pressochè abbandonata. Si tratta di una struttura architettonica dalla bellezza disarmante, anche ora che è abbandonata e disabitata da anni e sembra una casa degli spiriti. Il Parco Papadopoli invece mantiene il suo splendore e riceve le dovute cure per esprimere il massimo delle sue potenzialità. Si tratta di un percorso in salita fra alberi, fontane ed arcate verdi. In realtà durante la salita il percorso si dirama in più punti che si ricongiungono quasi tutti al chiostro panoramico, sulla parte più alta del Parco. Vale la pena fare questa salita per quello che si può vedere al chiostro, e durante il percorso prendiamoci il lusso di sognare un pò… perchè l’ambiente concilia grandi sogni…

Anche nella vita ci sono più strade per arrivare allo stesso punto, e qualche strada che porta totalmente fuori dal nostro percorso, e tante volte ci troviamo davanti ad un bivio. A quel punto voi cosa fate? Perchè tutti ci siamo trovati davanti a delle scelte nella vita e quelle scelte hanno determinato il nostro futuro. Spesso sento dire … “Sono stato costretto a …. e non ho potuto fare altrimenti…” …. Nessuno ci costringe a fare nulla a meno che non siamo noi a permettergli di imporsi… Tante volte si usano queste scuse per giustificare le nostre fughe dalla realizzazione dei nostri sogni più belli. I più grandi sabotatori di noi stessi siamo noi. Io me la sono data a gambe più volte quando mi trovavo davanti alla possibilità di fare un passo in più… si scappa per paura di non farcela. Più alta è la posta in gioco più il terreno sotto ai piedi scotta. Quando vedo le squadre di calcio alla finale dei mondiali e leggo la tensione negli occhi dei calciatori penso che in quel momento pagherebbero oro per potersene andare a bere una birra con gli amici invece che stare li e vivere di persona il loro successo o insuccesso, pur sapendo di avere già fatto un miracolo ad arrivare fino a lì. Ognuno di noi ha la dimensione della sua paura. A me tremava già la terra sotto i piedi quando giocavo a calcio A 5 nei tornei amatoriali locali. Eppure se per una volta riesci a superare la tua paura e poi riesci a fare una cosa solo minimamente più grande di prima, ti senti un leone… Vi è mai capitato? Quando ci mettiamo in gioco e sfidiamo le nostre paure, se poi dovesse andare male e non riuscissimo nel nostro intento, la cosa peggiore che potrebbe succedere è di rimanere quello che si è adesso, con la possibilità e la voglia di riprovarci ancora…

SHOPPING A VITTORIO VENETO

Shorts, body e felpa PYREX by Basic Storm

Sneakers Voile Blanche by Michele Paludetti Calzature

Occhiali da sole Obert hand made in Italy with love by Ottica Piccin

Orecchini by Gioielleria Speranza

 

LA FORTUNA AIUTA GLI AUDACI

-Publio Virgilio Marone-


TEAM MINIGONNE E SANT’AUGUSTA

FOTO by RENATO ZANETTE FOTOGRAFO

WEB AGENCY IDEALMEDIA

CAPELLI by CRYSTAL ROSE Hair Style unisex

ANTI-AGE and MAKE-UP by CENTRO ESTETICA LIVIA

FISIOTERAPIA by ATLANT STUDIO DI FISIOTERAPIA

MANICURE e RIMODELLAMENTO CORPO by CENTRO ESTETICO L’ETOILE

FITNESS TRAINING by NATHAN LAB

RIFLESSOLOGIA by ROBERTO SPARVOLI RIFLESSOLOGO

TESTO by MANUELA GISEL ALTOE’

leggi di più … www.minigonneesantaugusta.com

Think with love ♥